MAMME E NUOVE REALTA’

by Serena Prandi
Murales Mom's

RIASSESTARE LA QUOTIDIANITA’ FAMIGLIARE

10 Maggio 2020, Festa della Mamma, una figura fondamentale nella vita di un figlio e del nucleo famigliare, essere un genitore -in particolare esser madre – sappiamo quindi essere un compito ricco di onori ed oneri.
Mai come in questo periodo le mamme sono state messe a dura prova, portando a compimento il loro ruolo ogni giorno devono ulteriormente fare i conti con le preoccupazioni lavorative, familiari e il desiderio – troppo spesso nascosto – di volersi prendere una pausa.

Può accadere che le difficoltà e gli impegni quotidiani sommati a una situazione di emergenza, come quella che stiamo affrontando ora, provochino un aumento non indifferente di stress e ansia legate alle proprie prestazioni genitoriali. Considerando che le scuole sono chiuse, il lavoro chiama, la casa va mantenuta, i figli sono sempre con voi e hanno le loro esigenze, è più che comprensibile che i livelli di stress aumentino.

Madre con figlio – Foto di Matt Hoffman

Lo stato di attivazione che comporta una simile situazione (come già discusso in altri articoli in questo sito) è sotto un certo punto di vista positivo, in quanto ci permette di far fronte con maggiore energia e concentrazione a situazioni fuori dall’ordinario.
Accade però che, se tale attivazione non viene gestita correttamente e prende il sopravvento sulla nostra quotidianità, può condurci in un sentiero eccessivamente tortuoso il cui unico traguardo è quello di stremare le nostre forze e farci eccessivamente carico di compiti che non sono del tutto nostri.
Preoccuparsi per il proprio lavoro e la propria indipendenza è legittimo, come lo è cercare di stare al fianco dei propri figli aiutandoli a non perdere del tutto ciò che avrebbero appreso durante l’anno e cercando di farli mantenere concentrati sugli impegni scolastici.

E’ utile però tenere a mente che il genitore perfetto è un’utopia ed è importante cercare di non farsi prendere dall’ansia di fare troppo poco per la propria famiglia.

Essere perfetti infatti ha un grosso limite, quello di non poter migliorare, di non poter imparare dai propri errori e di non poter crescere sia personalmente che come figura genitoriale, l’esser genitori e la famiglia sono qualcosa che si forma col tempo e si costruisce giorno per giorno

Non siete sole, tutti possono partecipare al funzionamento e alla costruzione del nucleo familiare, ognuno può apprendere dall’altro – anche i figli hanno qualcosa da insegnarci – coinvolgeteli quindi insieme anche al vostro il partner in questa nuova sfida che ci viene posta oggi, domani e in futuro.

Creatività in famiglia – Foto di Fernard Hermant

Prendendo in considerazione l’età, le capacità di vostro figlio, i suoi bisogni e i suoi limiti e tenendo presente i vostri impegni inderogabili, cercate di stabilite routine che vadano bene per tutti.
Suddividete la vostra giornata insieme al partner e ai figli di modo che ci siano specifici momenti in cui si affrontino gli impegni lavorativi e scolastici, si faccia un minimo di attività motoria, di svago e momenti in cui possano aiutarvi nelle faccende domestiche.
Affrontate le necessità primarie di cui ha bisogno vostro figlio e non cercate di ricoprire ruoli che non vi competono (come l’insegnate o l’educatrice/animatrice).
Questi sono alcuni consigli che potete seguire per iniziare a gestire con più efficacia la vita quotidiana. 

Per agevolare questo riassestamento anche con i figli potete costruire insieme un calendario di impegni e routine (in cui ad esempio indicare il giorno per le pulizie, per uscire a camminare ecc.) potete creare anche una sorta di elenco in cui siano suddivisi i ruoli per ogni membro della famiglia. 

Soprattutto non dimenticate, in questa programmazione, di ritagliare del tempo per voi stessi, che sia una pausa caffè, una doccia o (finalmente) far due passi in solitudine oppure ancora dedicarsi ad un’attività che vi appassiona. Importante è inoltre cercare di dedicare del tempo al partner, anche se non risulta semplice in quanto la famiglia si trova riunita sotto lo stesso tetto per molte ore al giorno, può essere ad esempio sufficiente accoccolarsi insieme sul divano mentre il figlio svolge un’attività.

Fondamentale infine è la comunicazione, parlatevi apertamente, condividete le vostre paure, i desideri e i vostri bisogni e siate infine disposti all’ascolto, sarà così più facile riassestarsi e affrontare questo momento pieno di limiti ma anche di opportunità.

You may also like

Leave a Comment